Salute

Flora intestinale – proteggetevi prima di ammalarvi

flora intestinale proteggetevi

La flora intestinale è nascosta bene in noi, e raramente si pensa ad essa in modo consapevole- ma è responsabile di numerosi processi nel nostro organismo e ci può anche far ammalare. Per questo bisogna tenerla sott’occhio, poiché se si porta fuori dai binari per una volta, è poi difficile farle riprendere l’equilibrio in poco tempo.

Antibiotici – limitare i danni

Non sempre può un antibiotico risolvere tutto. Non solo i batteri vengono uccisi da un antibiotico, ma anche purtroppo anche la flora intestinale. Chi pensa che la flora intestinale può ritrovare il suo equilibrio velocemente si sbaglia. Dopo l’assunzione di un antibiotico, bisogna circolare dai 3 ai 6 mesi affinché tutto ritorni al meglio. Fino ad allora, si ha una forte suscettibilità alle malattie come prodotto. Glia antibiotici non si lasciano aggirare, bisogna comunque in ogni caso pensare sempre a risanare l’intestino e ricostruire la sua flora.

Ormoni e pillole

Chi assume regolarmente pillole o ormoni danneggia la flora intestinale. Soprattutto il Morbus Crohn e la Colitis Ulcerosa possono diventare delle conseguenze. Generalmente gli alimenti con molta chimica vengono sconsigliati, ma al giorno d’oggi non si sa che sostanze o aggiuntivi hanno questi alimenti. Abbiamo testato se ci sono delle alternative.

Mantenere l’acqua corrente senza cloro

Sempre più spesso il cloro viene aggiunto all’acqua corrente, cosa che non solo uccide i batteri nell’acqua, ma anche alcuni della flora intestinale. Per sostenerla, i ricercatori consigliano i probiotici e i prebiotici, che servono da nutrimento per i batteri dell’intestino. Inoltre bisogna utilizzare un buon filtro per l’acqua, che riesca a filtrare la maggior parte del cloro presente.

Il fluoruro e il caso sospetto

Non si è ancora provato, ma si sospetta che il fluoruro danneggi la flora intestinale. Si pensa che esso abbia degli effetti simili agli antibiotici sull’intestino. Chi vuole prendersi cura della propria flora intestinale deve fare attenzione a comprare dentifrici e Sali senza fluoruro.

Dannosi sono anche il grasso e lo zucchero

A danneggiare la flora intestinale è soprattutto lo zucchero. E se esso è combinato a grassi non sani, il processo intestinale si rallenta. Non solo i batteri dell’intestino diminuiscono con un’alimentazione ricca di zuccheri e grassi, ma anche la parete intestinale perde il suo spessore. Questo processo viene chiamato disbiosi.

Attenzione alla superacidità

La superacidità cronica si trova soprattutto nei paesi industrializzati occidentali. Bisogna notare, che la superacidità è in forte connessione con la disbiosi. Si discute ancora su quale malattia della flora intestinale è nata per prima, ma è come parlare di chi sia nato prima tra uovo e gallina. Bisogna pensare che la disbiosi rafforza la superacidità e viceversa, poiché vanno di pari passo. Affinché si possa combattere la superacidità, c’è bisogno di rivedere alcuni punti. Prima di tutto bisogna cambiare la propria alimentazione, e in secondo luogo bisogna effettuare una disacidificazione.

I pesticidi sono ancora onnipresenti

Anche se i pesticidi sono stati limitati già da tempo, sono ancora purtroppo presenti e danneggiano la nostra flora. Soprattutto il Chlorpyrifos è ancora sotto la lente. Chi vuole andare sul sicuro deve sempre controllare frutta, verdura e il loro produttore. L’assunzione di pesticidi può portare ad una disbiosi.

Flora intestinale e stress

Forte stress può far ammalare. Ricerche scientifiche hanno dimostrato che anche lo stress ha effetto sulla flora intestinale e viceversa, una flora non equilibrata aumenta lo stress.
Chi desidera una vita salutare e senza stress, deve assolutamente pensare anche alla flora intestinale, poiché essa è facilmente attaccabile.